Vi siete mai chiesti se il posto di lavoro che avete in questo momento sia anche quello giusto? È adatto il lavoro che fate alla vostra personalità? Ciao a tutti e bentornati su “il Quadernino” con una domanda che credo tutti prima o poi si fanno, ho scelto davvero il posto di lavoro adatto a me?

Lo so che può sembrare un tema molto astratto, il posto di lavoro perfetto, ma se ci si riflette un attimo non lo è poi così tanto. Cerco di fare un esempio pratico, ad esempio io so che personalmente non mi trovo a mio agio a parlare al telefono e quindi magari non vado a cercarmi un posto in un call-center. E per evitare commenti ovvi, lo so che non tutti hanno la possibilità di scegliere, ma questo non significa che non si deve pensare magari al lavoro che voglia fare in un futuro.

Il lavoro perfettoPer trovare il lavoro adatto alla propria personalità prima ci si deve conoscere. Spesso pensiamo di conoscerci, ma quanti di voi possono dire 5 aggettivi relativi a se stessi? Sono quasi sicura che ci dovrete pensare qualche momento. Conoscere se stessi è importante ma spesso lo diamo per scontato, quindi vi consiglio di prendervi qualche momento per fare una lista delle vostre qualità e dei vostri difetti. Per aiutarvi potete chiedere ad amici e famigliari, così da capire anche cosa pensano le persone di voi.

Nella conoscenza di se stessi, rientra anche la consapevolezza delle vostre competenze. Anche qui, per esperienza personale, non davo abbastanza importanza alle mie competenze e spesso mi sottovalutavo, me mettendomi a confronto anche con altre persone tramite il web, mi sono resa conto delle mie conoscenze e finalmente riesco a metterle più in risalto.

Per tornare alla ricerca del lavoro perfetto, le nostre competenze, passioni e personalità hanno un ruolo fondamentale per capire quale impiego è più adatto alle nostre corde. Una volta trovato il posto perfetto c’è solo un altro ostacolo da superare, ovvero la candidatura. Il modo migliore per esprimere il nostro desiderio di ottenere un lavoro, oltre alle nostre competenze e qualità, è quello di creare una storia con un inizio e una fine, invece di fare un elenco apatico che non trasmette niente al nostro scrutinatore.

Come detto all’inizio, lo so che non tutti posso avere la possibilità di scegliere, ma credo che comunque non si debba mai smettere di provare a cercare il lavoro perfetto per noi stessi, dato che altrimenti dovremmo passare la maggior parte della nostra vita a lavorare in un posto che non ci piace, portandoci a vivere male. Ma voi cosa ne pensate? Credete che ci si debba rassegnare a lavorare a ogni costo o magari siete più dell’idea che sia possibile trovare il lavoro perfetto? Fatemi sapere la vostra nei commenti, condividete questo post se vi è piaciuto e vi invito al prossimo aggiornamento de “il Quadernino”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...