Quante volte ci sentiamo ancora dire, magari dai nostri genitori, che le varie carriere di internet non sono dei lavori veri. Copywriter, Content Creator, Web Designer, ecc…, vengono ancora visti come una sorta di “professioni fittizie” non paragonabili ai “veri lavori” e credo che quella più sottovalutata dalle vecchie generazioni sia la figura dell’Influencer. Ciao a tutti e bentornati su “il Quadernino” che cerca di spiegare in parole povere come un Influencer svolge il suo lavoro e perché questo vada riconosciuto.

Come sempre cerco di partire dalle mie esperienze personali, così da poter fare esempi pratici e spiegare meglio, a chi magari non é del settore, come funziona e perché sia un vero e proprio lavoro. Premetto che su Instagram non ho molti follower, ma ho potuto comunque già testare cosa significa “guadagnare” attraverso questo social e volevo condividere le mie riflessioni.

Influencer e Tiamat

Sono la fiera padrona di due pogone, o draghi barbuti che dir si voglia, e spesso mi trovo a postare su Instagram foto delle mie piccole lucertole e a discuterne. Proprio ieri ho postato una foto del mio Fafnir su Instagram mentre si dilettava con un nuovo giocattolo. Pochi minuti dopo mi arriva il messaggio di una proprietaria di un e-commerce che mi proponeva un codice sconto in cambio di un post con i suoi prodotti e, per di più, avrei potuto condividere il codice sconto per un giorno con chiunque. Ovviamente trattandosi di prodotti per rettili ho accettato e ho condiviso il codice sconto sui social e con i miei follower e io ci ho guadagnato comprati nuovi giochi per miei draghi, che comunque avrei comprato, a un prezzo ridotto.

Questo é un piccolo esempio di come funziona il lavoro dell’influencer, cosa che ovviamente io non sono, ma credo che ciò ne renda l’idea. Il termine usato é influencer, dato che una persona “influenza” altri utenti e con un post può veicolare una pubblicità ai propri iscritti, avendo per altro una targettizzazione dell’utenza specifica. Per tornare al mio esempio, io mi sarei rivolta a utenti che possiedono rettili e quindi una “pubblicità” attraverso me, é un modo per raggiungere il pubblico più adatto alla situazione. Se la Ferragni pubblicizzasse un e-commerce per rettili, probabilmente il successo della campagna non sarebbe elevato come invece per un brand di moda. Ma oggi non si parla di targettizzazione dell’utenza, ma di come funziona il lavoro dell’influencer.

Per farla breve, un influencer guadagna facendo pubblicità a prodotti o brand, diventandone testimonial o tramite sponsor, che lo supportano nella sua attività a patto che ogni tanto venga nominato nei contenuti. Devo ammettere che creare contenuti ogni giorno non é facile e dietro a un risultato ben fatto, c’é sempre un grande lavoro alle spalle. Qualcuno può dire che sia facile o che sia fortuna, ma non bisogna mai dimenticare che la creazione di contenuti efficaci a un ritmo elevato non é una cosa semplice.

Questo é quanto avevo da dire per oggi, fatemi sapere che ne pensate nella sezione commenti. Io vi ringrazio per essere arrivati fin qui e vi invito a un nuovo aggiornamento de “il Quadernino”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...