Lo so che ultimamente sto parlando molto della mancanza di tempo, ma è solo che ora mi sto rendendo conto di quanto tempo serve per avere un lavoro e in più altri progetti personali. Ciao a tutti e bentornati su “Il Quadernino” con un paio di consigli che vi aiuteranno a recuperare un po’ di tempo, che di solito invece viene “sprecato”.

Acquistare del tempo

Io non ho la patente della macchina e spesso mi ritrovo a dover aspettare molto il prossimo tram o bus e quindi ho deciso, in questo arco di tempo che altrimenti sarebbe “morto”, di ascoltare dei podcast su argomenti interessanti e di attualità. L’ascolto di podcast può aiutare molto anche nella propria formazione personale e/o professionale e di conseguenza utilizzo in modo costruttivo quelle attese, spesso così snervanti.

Utilizzando i mezzi pubblici e impiegando quasi un ora per arrivare e tornare da lavoro, ho deciso di utilizzare questo tempo in modo costruttivo; in fondo sono più di 2 ore al giorno. Quindi porto sempre con me il mio iPad ( che ormai è tutto ciò di cui ho bisogno sia per prendere appunti, per scrivere e creare piccoli video ) e in questo arco di tempo creo contenuti. Modifico foto, ho iniziato a creare piccoli contenuti per Tik Tok, carico i post su Instagram e organizzo i miei prossimi articoli del blog. Cerco di rendere costruttive queste 2 ore giornaliere, e se proprio non ho voglia dopo lavoro, ho sempre un buon libro con me.

Forse io sono un po’ esagerata, ma mi dà molto fastidio pensare che “butto” 2 ore della mia giornata senza far niente e per questo motivo ho escogitato questi due stratagemmi per poter utilizzare questo tempo in modo costruttivo sui mezzi pubblici. E una cosa con cui non avevo fatto i conti è lo stimolo della creatività che mi provoca lo stare in movimento su un treno. Sembra una cosa stupida, ma mi sta portando veramente a trovare molte soluzioni davvero creative.

E voi che ne pensate? Avete anche voi dei “tempi morti” che non sapete come utilizzare o avete trovato altre soluzioni per sopperire a questo “spreco di tempo“? Fatemi sapere la vostra sotto nei commenti e vi invito al prossimo aggiornamento de “Il Quadernino”.

3 Comments

  1. Moooolti anni fa viaggiavo 3 o 4 ore al giorno per fare solo una ventina di km, ma andavo verso Roma (sigh)… in quel periodo ho fatto dei centrini all’uncinetto con del filo molto fino che ho ancora adesso. Ho anche letto i libri dell’università. Sempre che riuscissi a sedermi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.