Molti aspettano le feste per godersi un paio di settimane di riposo, magari festeggiando con la propria famiglia, ma come funziona per chi invece ha la possibilità di scegliere se lavorare o no? Ciao a tutti e bentornati su “Il Quadernino” con una riflessione personale ma che potrebbe rifarsi a chiunque decida di lavorare tramite internet.

Lavorare anche a Natale

Abbiamo spesso parlato di come uno dei vantaggi del lavoro online è proprio quello di poter lavorare secondo i propri ritmi: stare svegli fino a tardi per poi svegliarsi qualche ora dopo la mattina solo perché in quel giorno ci sentiamo più produttivi di notte o viceversa. Ma come funziona con le festività? Ovviamente le buone maniere richiedono che ci sia chiarezza anche con il cliente o collaboratore. È vero che un freelance, soprattutto se lavora online si trova a ricevere richieste a tutte le ore e tutti i giorni, anche per via della provenienza delle richieste, basti pensare che un cliente americano ha circa 9 ore di fuso orario e quindi quello che per lui è un orario di lavoro normale, magari per noi europei non lo è, ma questo non significa che siamo tenuti a lavorare anche durante le feste.

Il lavoro online, da freelance o autonomo ci permette appunto di decidere se lavorare o no e credo che ognuno debba fare quello che più ritiene giusto. Spesso anche i clienti durante i periodi festivi non hanno voglia di passarlo a pensare al lavoro e quindi saranno sicuramente d’accordo nel prendersi un periodo di ferie. Ma appunto il bello del lavoro online è che potete decidere voi. Se invece non siete amanti delle feste o non credete nella festività religiosa potete anche continuare a lavorare. Potete fare quello che volete!

Io quest’anno ho deciso di prendermi una pausa e credo che passerò le mie vacanze a provare qualche nuovo tool e sopratutto a godermi un po’ di meritato riposo. E voi invece? Cosa farete durante le vacanze? Fatemi sapere i vostri programmi e nel frattempo vi invito al prossimo aggiornamento de “Il Quadernino”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.