Il risparmio si può considerare guadagno? Quali possibilità offre la sharing economy? Ciao a tutti e bentornati su “il Quadernino” con un analisi sui benefici, e soprattutto i guadagni, che la sharing economy offre.

Nell’articolo su cosa significa sharing economy, abbiamo già iniziato a vedere alcune particolarità dell’economia partecipata, ovvero il risparmio in termini di nervi e costi. Se prendiamo ad esempio un car sharing come blablacar, abbiamo un guadagno dato che risparmiamo qualcosina in termini di biglietto ma soprattuto possiamo viaggiare comodamente in auto, invece magari di un autobus scomodo o di un costoso viaggio in treno.

Guadagnare con la sharing economy

Ma si può guadagnare concretamente con la sharing economy? La risposta non può essere che si, dato che abbiamo molte più possibilità per usare strumenti e competenze. Riprendiamo ad esempio AirBnB, che da la possibilità di affittare una casa o una stanza per poco tempo. Con AirBnB possiamo guadagnare magari affittando una stanza che non usiamo oppure un secondo appartamento e quindi diventando di fatto degli affittuari, senza la complicanza di un affitto “a lungo termine”.

La sharing economy da di fatto la possibilità anche di condividere le proprie competenze accettando lavori a contratto per alzare qualche extra sul proprio stipendio. Pensiamo ad esempio a TaskRabbit, una piattaforma dove si può offrire qualunque tipo di servizio, dal giardinaggio alla manutenzione, anche qui senza le complicazioni di dover aprire una partita iva, dato che si parla dei cosiddetti “lavoretti”. A proposito di TaskRabbit, se l’argomento vi interessa, potrei fare un articolo in cui mi concentro solo su questa piattaforma…fatemi sapere cosa ne pensate nella sezione commenti.

Ma come TaskRabbit o AirBnB ci sono tantissime altre piattaforme che permettono di condividere competenze, attrezzature e anche esperienze guadagnando sia in termini di denaro che di tempo. Basti pensare magari anche solo a eToro, la piattaforma di tranding che permette di copiare altri trader, più esperti, per guadagnare con gli investimenti. In questo caso i trader più esperti condividono la loro esperienza per dare un vantaggio a tutti gli utenti.

Insomma le possibilità della sharing economy sono davvero innumerevoli e scrivendo questo articolo mi sono resa conto delle migliaia di piattaforme con cui è possibile condividere e allo stesso tempo guadagnare, non solo denaro. Fatemi sapere cosa ne pensate e se vi piacerebbe una guida alle varie piattaforme di sharing economy con cui è possibile “lavorare”. Io nel frattempo vi invito al prossimo aggiornamento de “il Quadernino”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.