La laurea é ormai un requisito fondamentale per chi vuole lavorare in certi ambienti come quello tech, ma cosa succede quando uno dei più grandi colossi in questo ambito vuole offrire un corso di laurea a riguardo? Benvenuti su “il Quadernino” con una notizia che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’istruzione: la laurea di Google.

Il colosso americano ha infatti annunciato il lancio, per ora solo in America, di una laurea di 6 mesi in vari ambiti dell’ambito tech: come si legge sul sito Grow with Google i corsi disponibili al momento sono Data Analyst, UX Designer, Project Manager e IT Support Specialist; ma perché questa é una rivoluzione?

laurea di google

Come abbiamo già detto nell’articolo dei videocorsi, in realtà Google é sempre stata propensa ad offrire metodi alternativi di istruzione anche se nessuno poteva immaginarsi l’annuncio di corsi di laurea targati Google. Non solo in America, ma anche in Italia, esistono già università private ma nessuna direttamente finanziata da un’azienda così importante nel settore. Quali potrebbero essere i problemi a riguardo?

Molti hanno espresso perplessità per quanto riguarda la “forza” di Google. L’azienda americana é stata accusata più volte di monopolio: basti pensare che Google, o meglio Alphabet (il nome della società quotata in borsa) non possiede solo il famosissimo motore di ricerca, ma ha servizi in praticamente ogni ambito del web, dai software di videoconferenza, mail, programmi di scrittura e calcolo, a servizi di cloud, cellulari, smart home, ecc… L’arrivo dei corsi dei laurea di Google potrebbe aggiungere un altro tassello all’immenso impero Google.

Sinceramente credo che un corso di laurea erogato direttamente da un’azienda che necessita degli studenti che istruisce non solo sia un ottimo modo per avere “il posto sicuro” dopo la laurea, ma potrebbe preparare meglio gli studenti al lavoro vero e proprio. Sicuramente un corso di 6 mesi si concentrerà più sulla parte parte pratica e di conseguenza una persona che arriva a laurearsi sa già quello che deve fare il primo giorno di lavoro. Poi parliamo di Google…se fossi un’azienda che cerca magari un programmatore UX, sarei particolarmente impressionata nel leggere un curriculum che presenta anche solo un corso rilasciato direttamente da Google.

Altro punto a favore di Google: spesso le università non offrono dei corsi adeguati per quanto riguarda l’ambito tecnologico, soprattutto in Italia. Se l’entrata di Google può aiutare a offrire in generale corsi di laurea migliori e indirizzati verso la digitalizzazione, allora non vedo davvero perché impedire quello che per ora é ancora “un esperimento”.

Sono davvero curiosità su come si evolverà la faccenda, e spero davvero che Google decida di esportare questa laurea anche in Europa. Ma voi cosa ne pensate? Pensate possa essere interessante una laurea rilasciata direttamente da una delle aziende leader del settore? Fatemi sapere cosa ne pensate e nel frattempo vi invito al prossimo aggiornamento de “il Quadernino”.

1 Comment

  1. Nel campo dell’informatica ancora contano più le capacità che le lauree. Io ho un’esperienza del genere negli anni ’80 e feci dei corsi molto qualificanti, uno addirittura al centro di calcolo interdisciplinare della Sapienza di Roma, per l’analisi dati e la progettazione delle basi dati, per lavorare a un grosso progetto del sistema informativo dell’azienda pubblica per cui lavoravo. A fine esperienza la ditta di sviluppo mi avrebbe assunto se avessi voluto. Io preferii fare un altro percorso, ma mi avrebbero collocato al top dell’area quadri.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.